Unifos

Evacuazioni Sicure: La ISO/TS 17886:2024 Redefinisce la Progettazione delle Prove

Sul portale web dell’ISO è stata diffusa la recente edizione della Specifica Tecnica ISO/TS 17886:2024 – Ingegneria della Sicurezza Antincendio – Progettazione delle Prove di Evacuazione. Tale specifica fornisce un metodo per la progettazione delle prove di evacuazione, volte alla raccolta di dati sull’esodo.

Ma quali sono le finalità di questa specifica tecnica? Quali fattori vengono considerati per una valutazione accurata dell’esodo e, in particolare, come si calcola il tempo complessivo di evacuazione? La ISO/TS 17886:2024 si prefigge i seguenti obiettivi:

  • Confrontare varie prove di evacuazione svolte in condizioni differenti.
  • Fornire un supporto per lo studio di una o più variabili, le procedure e la formazione sulla sicurezza.
  • Valutare l’efficacia dei piani di evacuazione, riducendo l’incertezza sui risultati.
  • Verificare la coerenza delle misure preventive adottate prima e dopo la progettazione dell’edificio.
  • Ottimizzare i parametri inseriti nei software e renderli più realistici.
  • Confrontare i risultati ottenuti con differenti software o verificare e validare i modelli di evacuazione, ad esempio tramite la norma ISO 16730-1.

Evacuazione Sicura: come valutare le variabili di una prova di evacuazione secondo la ISO L’approccio dell’ingegneria basata sulle prestazioni implica la valutazione dell’esodo basata sull’analisi del design dell’edificio, richiedendo un’ampia raccolta di dati sulla risposta, il movimento e il comportamento degli occupanti, oltre ad altri dati per lo sviluppo e la validazione dei calcoli del modello.

Il documento elenca le variabili fondamentali per una prova di evacuazione, che comprendono la struttura dell’ambiente, le condizioni di illuminazione, le caratteristiche degli occupanti, il tipo di segnale o allarme utilizzato e considerazioni sugli impianti e sulla sicurezza.

Inoltre, fornisce indicazioni per la raccolta e la codifica dei dati durante una prova di evacuazione, per contestualizzarli e agevolarne l’utilizzo combinato.

Infine, espone le tecniche utilizzate per la raccolta dei dati e stabilisce una procedura per documentare gli esperimenti, al fine di fornire un contesto e uno sfondo per l’utilizzo dei dati, nonché una metodologia per la codifica di tali informazioni.

Il Tempo Totale di Evacuazione: come si calcola? Il principale criterio per valutare un’evacuazione è il tempo totale di evacuazione, un parametro definito nella norma ISO/TR 16738, che include il tempo pre-movimento e il tempo di movimento.

Il tempo di evacuazione dipende da una serie di parametri, quali velocità di camminamento su varie superfici, densità degli occupanti, flussi attraverso le aperture di uscita, ritardi prima e durante l’evacuazione, scelta delle uscite, comportamenti individuali e percezione del rischio.

Le informazioni sull’influenza di questi parametri sul tempo totale di evacuazione e sulla comprensione dei comportamenti umani sono disponibili nelle norme ISO/TR 16738, ISO/TS 29761 e nella Guida SFPE.

Articoli più recenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *